6 marzo 2012

HOGJAW - Sons of the Western Skies ( CD - 2012 )


Una suggestiva immagine del torrido e polveroso deserto dell' Arizona ( luogo di provenienza della band ) ci introduce al nuovissimo album degli Hogjaw, terzo della loro discografia, lavoro che conferma le aspettative e degno successore dell'ottimo Ironwood del 2010.

Questo Sons of the Western Skies ci offre ancora una volta il sound potente e granitico di una delle migliori band nel panorama Southern Rock contemporaneo, una band dal sound personale e perfettamente riconoscibile capace di combinare lo stile del Classic Southern Rock a un sound tagliente, a tratti Hard/Heavy, con assoluta credibilità ed efficacia contraddistinto sempre da un ottimo songwriting.

L'inzio è potente e granitico con il poker iniziale composto da Spoonfed, Hells Half Home of Mine, Road of Fools (col batterista Kwall alla voce) e Six Shots, grazie ai consueti riff e fraseggi taglienti delle due chitarre sostenuti dalla ritmica potente e martellante di basso e batteria, mentre alla traccia numero 5, la divertentissima Everyone's Goin Fishin che rappresenta un omaggio dedicato alla grandissima passione della band per la pesca, ci si trova quasi spiazzati per il radicale e sorprendente cambio di stile trovandoci in un pezzo praticamente funky/soul col sax di Jeff "Cuz" Wilbur a farla da padrone, e a conti fatti risulta una delle tracce piu divertenti e piacevoli dell'album.


Dopo questa sorpresa torniamo su territori più usuali con la stupenda Look to the Sky, lunga ballata malinconica ed evocativa con bellissimo assolo finale nella migliore tradizione Southern Rock , per proseguire con l'ottimo ruvido e graffiante blues Mainstream Trucker (18 wheeler mix), impreziosito da una meravigliosa e suggestiva armonica.

Il trittico finale composto da Midnight Run to Cleator, Dirty Woman e la lunga ballad finale The Sum of all Things, ci riportano su territori puramente Southern Rock pur sempre contraddistinto dallo stile ruvido e tagliente della band, a completare un album sicuramente piacevole e interessante.

Forse, ma si tratta davvero di dettagli e sensazioni personali più o meno condivisibili, a livello compositivo e di qualità totale dell'album trovo che Ironwood sia leggermente superiore, ma quello che è certo è che gli Hogjaw sono una grande band, unica e dannatamente divertente da vedere e ascoltare, e in ogni caso Sons of the Western Skies è un album assolutamente da non perdere.

Hogjaw is :
Jonboat Jones ( Guitar-Vocals )
Kreg Self ( Lead Guitar )
Elvis DD ( Bass )
Kwall ( Drums )

http://www.hogjawmusic.com/


Enjoy !


ComScore